Accesso rapido:

Questo sito utilizza cookie che consentono di migliorare l'esperienza di navigazione. Per saperne di più. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Tour Operator specializzato in viaggi in Sud Ameri

Per maggiori info contattaci 011.7718046info@ruta40.it

Viaggi e tour su misura
100% modificabili

dalle parti di Rio Mayo

07.05.2012

Argentina

Viaggio sulla Ruta 40

Un nostro carissimo giornalista è tornato da un viaggio in Argentina, piccola riflessione sulla Ruta40


Sono in macchina da 5 ore, dalle parti di Rio Mayo. La Ruta40 è quasi sempre sterrata. Il vento mi fa tremare i vetri e continuo a non incontrare nessuno. Salvo un armadillo e un ciclista che avanza coricato sul manubrio. L’armadillo, che mi fermo a raccogliere, ha un’aria incazzatissima e mulina le zampette facendo la faccia feroce sotto la sua corazza. Il ciclista, che viene da Ushuaia e arriverà (forse) a Buenos Aires, puzza come una capra, si sbafa la mia riserva di cioccolato Mamouschka preso due giorni fa a Bariloche ed esala un "Mucha mierda!" con un filo di voce, poi se ne va di sghembo nel vento.
Di fronte a me il parabrezza è sempre vuoto e mi chiedo (ma continuerò per giorni, fino alla Terra del Fuoco) per quale motivo una regione così estrema e inospitale ha calamitato per quasi un secolo storie e personaggi oltre le righe.

Anche in Australia mi sono fatto da Cairns a Alices Spring in macchina, ma non mi sembra che "quel" vuoto, altrettanto immenso, abbia generato storie epiche, crudeli o visionarie come quelle in cui m’imbatto ogni giorno in Patagonia: cosa ha spinto fin qui un fuorilegge in fuga come Butch Cassidy, di cui ho visitato la capanna a Cholila?
E come mai un giorno del 1859 un modesto avvocato francese, Orélie Viaggio sulla Ruta 40 Antoine de Tounens, decide di salpare per Capo Horn riuscendo a proclamarsi re d’Araucania aizzando gli indios contro la giovane repubblica del Cile? E che dire di quel Julius Popper, romeno, ingegnere e giornalista, che nel 1885, a soli 28 anni, parte dalla Cina per la Terra del Fuoco appena saputo della scoperta dell’oro? E una volta arrivato non compirà la solita parabola di tutti i disperati ma diventerà un esploratore di fama ed un efferato assassino, insomma, un eroe in senso epico, seppur in negativo. E cosa ha spinto un tale Pasqualino Rispoli, napoletano, a finire la sua vita come pirata nel canale di Beagle? La mia idea è che i grandi spazi e le condizioni di vita estreme abbiano favorito una selezione darwiniana e l’esplosione di irragionevoli utopie

Voi che ne dite? Qualcuno ha qualche opinione diversa in proposito?

Roberto Rocca Rey

Condividi

Ruta 40 sponsor tecnico di una squadra di calcio ..... balilla !Ruta 40 sostiene il progetto Reforestemos Patagonia