Accesso rapido:

Questo sito utilizza cookie che consentono di migliorare l'esperienza di navigazione. Per saperne di più. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Tour Operator: viaggi e tour organizzati RUTA 40

Per maggiori info contattaci 011.7718046info@ruta40.it

Viaggi e tour su misura
100% modificabili

Claudia Bertolero, la stilista emergente del Peru’

26.05.2011

Perù

Claudia Bertolero, la stilista emergente del Peru'

Sono approdati sulle passerelle milanesi i suggestivi fiori peruviani di Claudia Bertolero.

Giovane designer peruviana, inaugura uno stile nuovo, una collezione che riunisce le tradizioni coloniali tipicamente andine con innovazioni creative eleganti e originali.

La sua prima collezione è un nostalgico ma emozionante omaggio alla sua patria: il Perù, senza dimenticare la nostra Italia, che Claudia ha identificato come luogo di adozione per raggiungere il mercato internazionale, forse anche perchè Claudia è sì nata a Lima, sua mamma è peruviana, ma suo padre è piemontesissimo. L'approdo al Vecchio Continente è arrivato dopo 3 stagioni di sfilate e saloni a Miami, in Colombia e Brasile.

Nel 2008 e' sbarcata a Milano con una collezione primavera - estate portando una linea di abbigliamento e accessori femminili originali per stile e innovazione - seppur senza mai perdere d'occhio la tradizione. Collezione tutta basata sulle immagini ricorrenti delle amazzoni peruviane e altre suggestive come l’amancaes, fiore degli Incas, che è anche il simbolo della capitale Lima e cresce nella costa del Perù - e il mondo dei cavalli.

«Le nostre fantine usano gli amancaes per decorare i cappelli durante i tornei», ha detto la stilista per dare un'idea di come nascono le sue suggestioni: «Ho imparato le tecniche artigianali della tradizione coloniale e indigena che utilizza il cuoio intagliato manualmente, i tessuti artigianali con ricami unici, la luce dell'argento sbalzato...alla fine si ottiene un raffinato design di fiori e colori su gonne, camicette, abiti e cardigan a rete (ripreso sulle scarpe ballerine tutte gradevolmente decorate).

Gli accessori poi sono il vero must, dove Chiara da' il suo meglio: borse, tutte diverse perché pensate come creazioni uniche e così, fatte a mano. I materiali sono il cuoio con inserti d'argento che creano movimenti di forme ammiccanti all'architettura coloniale. Oppure grossi punti fatti all'uncinetto che cuciono a nocciola la pelle. Che dire? Da avere.

La creatività che arriva da lontano è unica e porta in se' echi inusitati; quando è sapientemente miscelata con la portabilità occidentale arriva a creare il capo davvero ad hoc.

Condividi

Tatiana Salem Levy - una scrittrice brasiliana al Salone del LibroI panama più famosi dell’Ecuador